LF ARREDOLEGNO

laboratorio e falegnameria in sede

Realizzazioni su misura, richiedi un preventivo.

SERRE BIOCLIMATICHE

E’ importante convertire il tuo spazio all’aperto in un ambiente confortevole anche nei periodi freddi ottenendo un risparmio energetico e una riduzione delle emissioni di CO2.
Il giardino d’inverno è uno spazio polifunzionale che consente di ampliare gli ambienti sia di una casa che di uno spazio pubblico, conferendo anche un tono di classe. E’ conosciuto anche con il nome Wintergarten o serra solare, ma va ad indicare uno spazio che può diventare sia un giardino che una zona utilizzabile in modo differente, come parte di una veranda o di un solarium.

Un luogo irrorato dalla luce del sole e circondato da piante che permette di rendere raffinata e meravigliosa un’abitazione creando un piccolo angolo di paradiso in casa.

Che cos’è una serra bioclimatica?

Per essere una vera e propria serra bioclimatica, deve possedere le seguenti caratteristiche:

  • essere adiacente ad un locale dell’abitazione (quindi non è una semplice serra in mezzo a un giardino)
  • avere almeno tre lati vetrati
  • essere esposta a sud per accumulare calore in inverno e trasmetterlo alla casa per risparmiare su altre fonti di riscaldamento
  • avere materiali differenziati: mentre i vetri della facciata e del tetto devono permettere irraggiamento, quelli delle fiancate a Est e Ovest devono evitare la dispersione termica in inverno e limitare l’irraggiamento d’estate
  • essere volume tecnico: una serra bioclimatica costruita secondo i giusti requisiti tecnici non aumenta la volumetria dell’immobile, ma è considerata volume tecnico non tassabile e non va ad incidere sulla cubatura
  • avere il tetto in vetro: per ottenere maggiore luce naturale zenitale
  • essere senza schermature fisse: la serra bioclimatica non deve prevedere sistemi di ombreggiatura esterni fissi, devono però esserci sistemi di schermatura mobile per evitare il surriscaldamento d’estate (ad esempio tende)
  • essere priva di impianto di climatizzazione
  • avere uno scambio termico con gli ambienti adiacenti tramite l’aria o il calore trasmesso dalle pareti
  • ridurre i consumi di riscaldamento in inverno (la serra bioclimatica dovrebbe portare a una riduzione del fabbisogno energetico invernale compreso tra il 10% e il 25% in bolletta).

La realizzazione di un serra bioclimatica non è un intervento agevolato dalle detrazioni fiscali per la riqualificazione energetica del patrimonio edilizio esistente, il cosiddetto Ecobonus (ex legge 296/2006), ma rientrano nell’agevolazione del 50% prevista per le ristrutturazioni edilizie, il cosiddetto Bonus casa (Art. 16 bis, lettera h, del DPR 917/86).

A precisarlo è il laboratorio DUEE-SPS-SAP dell’Enea, che ha tra i compiti istituzionali la gestione delle detrazioni fiscali per gli interventi di efficienza energetica e utilizzo delle fonti rinnovabili di energia.

Nella pagina informativa dell’Agenzia nazionale dedicata alle detrazioni – segnala una nota Enea – è presente l’elenco degli interventi ammessi alle varie detrazioni (vedi link).

In particolare, si ricorda, gli interventi previsti dall’ecobonus riguardano, con l’eccezione delle schermature solari, gli elementi strutturali dell’involucro edilizio che racchiude gli ambienti riscaldati. Non vi rientra, pertanto, la serra bioclimatica che delimita, invece, un ambiente freddo.